ebay

Annunci Ebay – un sito di annunci tipo Ebay

Vorrei aprire un sito di annunci tipo ebay o subito.it
Sito di annunci eBay?

Ricevo ogni mese almeno una decina di richieste di preventivi per la creazione di un sito di annunci di vario tipo:

  • Ebay annunci
  • annunci come subito.it
  • annunci per richieste o offerte di lavoro
  • annunci per la vendita di oggetti usati
  • annunci per la vendita di corsi di lingue o di informatica
  • annunci per siti di incontri
  • annunci tipo eBay

Molte persone, grazie anche alle notizie che si leggono periodicamente sulla stampa non specializzata (quotidiani, settimanali) e a quelle che leggono sui siti di molti nostri colleghi, vengono indotte a credere che è possibile diventare ricchi avendo un’idea originale e sfruttandola mettendosi in affari in rete.

Spesso, per avvalorare le loro tesi, vengono citali social network come Facebook o siti di annunci online come Ebay, subito.it, trivago, immobiliare.it, matrimoni.it, casa.it ed altri.

Perché illudere le persone? Perché non raccontare la triste verità? Perché non spiegare che su uno che ce la fa 10.000 falliscono? Perché non parlare degli ingenti capitali necessari per far decollare e conoscere al grande pubblico un sito di annunci online tipo subito o ebay, o un social network?

Il risultato di questa disinformazione lo vediamo tutti i giorni.

Quante richieste ho ricevuto da parte di utenti che mi chiedono il preventivo per un sito di annunci tipo eBay?

Negli ultimi 10 anni ne ho ricevute almeno 1.000.

Non passa giorno senza che riceviamo almeno una email da parte di uno studente squattrinato o di un disoccupato che non riesce ad arrivare a fine mese che ci chiede un preventivo per creare un sito “tipo” facebook o Ebay, o un ecommerce come Zalando o Amazon.

“Io e un mio amico abbiamo avuto l’idea di creare un sito di annunci come eBay… “. Un sito di annunci eBay insomma, ma più piccolo – mi dicono.

Ma beati ragazzi, avete un’idea degli investimenti che sono necessari per creare un sito di annunci ebay o comunque tipo eBay, anche se più piccolo?

Qualcuno mi dice di avere un amico programmatore che potrebbe creare il sito ma che è inesperto di SEO e pertanto chiede la mia disponibilità per il posizionamento.

Quando chiedo con quali termini vorrebbero essere trovati, mi rispondono candidamente: “annunci ebay” e qualsiasi altro nome di oggetti che verrebbero messi in vendita.

Quando leggo queste email non posso fare a meno di pensare: ecco, un altro che ha avuto l’illuminazione, l’idea geniale che risolverà definitivamente i suoi problemi economici :-)

L’altro giorno ho riposto ad uno studente, che mi chiedeva quanto costa creare un sito di annunci come subito.it o come ebay, che un simile sito non avrebbe avuto alcuna possibilità di successo perché nessuno lo avrebbe trovato in Google.

“Non è vero” – ha ribattuto – “subito.it ha un sacco di visitatori e ebay ancora di più, e come ci sono riusciti loro potrei riuscirci anch’io”.

Forse le sfugge il fatto – ho risposto – che subito.it ha un sito di oltre 5 milioni di pagine e ebay.it ne ha 10 milioni. Per avere visibilità, hanno fatto diversi spot pubblicitari trasmessi dalle TV nazionali.

Subito.it, tempo fa, ha fatto ideare uno spot pubblicitario dall’agenzia Partners, diretto dal regista Miguel Coimbra, e lo spot è stato trasmesso parecchie volte sulle principali reti italiane: Rai4, Rai5, Rai Movie, Rai Premium, Mediaset Premium, Cielo e Discovery.

Lei ha a disposizione il budget necessario per fare tutto ciò? – ho chiesto

Ovviamente la risposta è stata negativa. Lo studente in questione pensava di spendere al massimo 800/1.000 euro, possibilmente a rate (300 euro glieli potrei dare subito, mi ha detto).

Ma a creare false aspettative e ad illudere le persone non è solo la stampa non specializzata o certi servizi che si vedono in TV. Anche chi internet ed il commercio online li conosce molto bene talvolta lo fa.

guadagnare-con-sito-annunci

Fare un sito internet di annunci

Sembra la moda del momento, sembra l’idea che molti hanno ultimamente, fare un sito internet di annunci per “far inserire da chiunque annunci e guadagnare almeno uno stipendio giusto per partire, poi, se faremo soldi, assumeremo qualcuno”.
Quello che forse scappa sono i costi e le logiche, alle spalle del progetto, specialmente in quello preso come riferimento: subito.it. Ci viene chiesto spesso, ultimamente:

  • vorrei un sito come subito.it, quanto costa?
  • vorrei un sito come ebay, quanto costa?
  • vorrei un sito come amazon, quanto costa?

Ma sempre scopriamo che non c’è né consapevolezza strategica, né consapevolezza economica per il da farsi.

Quanto costa un sito di annunci tipo subito.it?

Un sito di annunci tipo subito.it ha un costo improponibile e per farlo/gestirlo dobbiamo pensare a personale che sia all’altezza, da un punto di vista strategico e pratico; dobbiamo pensare a pubblicità parallela (subito è visibile periodicamente anche in tv nazionale) e iniziative per farlo conoscere, come carta stampata o social network; non da meno dobbiamo pensare che, un sito di annunci come subito, ebay o amazon, ha migliaia di pagine e per emularlo, dobbiamo, per forza farne tante anche noi.

Paradossale: sapete chi è il primo concorrente? Il primo concorrente è proprio subito.it, un colosso, un’azienda che ha un sito costruito in anni di sacrifici, con automatizzazioni e personale che ci lavora, stipendiato, tutti i giorni e con competenze elevate, elevatissime.

Abbiamo fondi e risorse umane per fare meglio di subito.it?

Parliamone, ma se cerchiamo di fare un sito come subito o ebay, per sperare che la nostra vita cambi, iniziamo ad apprezzare quello che abbiamo e iniziamo a vederlo da altri punti di vista, perché un progetto di questi livelli, non può essere un tentativo fatto di speranze (come appena detto parliamo di un investimento di almento 100 mila euro).

Appurata la complessità del lavoro per fare un sito tipo subito.it o tipo ebay, andiamo a vedere come mai ci sono costi tecnici molto importanti e come mai non possiamo pensare di iniziare senza grossi investimenti. Il progetto tipo subito.it necessita di parti di amministrazione del progetto adatte all’indipendenza del cliente che deve, con una certa facilità, iscriversi, capire il meccanismo, scegliere il miglior profilo tipo:

  • base
  • medium
  • premium
  • gold

in base al tipo di inserzione che deve o vuole fare, e iniziare a caricare il suo annuncio. Tutto il sistema deve essere intuitivo e facile da capire. La gestione dei profili deve essere schamatizzata e non possiamo proporla in troppi step. Sembra ovvio, ma nel 99% dei casi, così ovvio, non è!

Cosa dovrebbe fare un sito tipo subito o ebay

Un sito tipo subito o ebay deve avere uno spazio per le descrizioni, uno spazio foto, uno spazio prezzo, uno spazio contatto, e tutto deve essere semplice, proprio come  lo è in subito.it o ebay.

L’annuncio deve essere vagliato da uno staff, altrimenti ci si trova con dvd copiati e con vendita di accessori poco legali, e questo ricadrà sempre sulla responsabilità dello staff, perché anche se legalmente ci sarà la massima tutela, con accordi e varie accettazioni, un utilizzo improprio del mezzo lo infangherà prima di nascere.

Lo staff che gestisce il tutto deve monitorare il sistema e deve poter vedere ogni profilo, controllarlo e deve poter intervenire. Se pensiamo di automatizzare il controllo con filtri su parole inserite o altro, i costi lievitano e di molto (serve comunque una dose di manualità, quindi costi di personale).

Altro step non poco delicato, è il prodotto finale, che deve andare al pubblico, deve essere curato in ogni aspetto e, soprattutto, essere chiaro.

Tre macro aspetti da non sottovalutare che implicano mesi di lavoro e di testing, perché, speriamo vivamente, che non ci si metta on line con sistemi open source o con lavori da 9 euro al mese, come certi clienti ci hanno prospettato.

Chiarezza come sinonimo di cura maniacale del progetto

Sembra banale ma il cliente che si iscrive deve avere tutto chiaro in pochi passaggi e non possiamo pretendere che capisca “al volo”, da un nome del profilo, che servizi diversi offre il sistema.

Non facciamo l’errore tipico delle concessionarie che quando danno un prezzo di un’auto iniziano a dare prezzi diversi per modello, dando per scontato che un cliente capisca cosa le differenzia, perché se il venditore di auto è lì tutto il giorno, e tutto il giorno parla di auto, il cliente che si avvicina, lo fa per capirci di più ed il livello di conoscenza di partenza è diverso;

non si troverà mai un punto di incontro se nessuno si pone il problema di spiegare cosa significa un modello piuttosto che un altro, easy, piuttosto che platinum, giusto per fare un esempio.

Chi entra nel nostro sito deve vedere schematizzato, nel posto giusto l’offerta che proponiamo e deve capire, dopo poco, cosa differenzia un’offerta da un’altra.

Il sottovalutare la chiarezza della proposta, il non vedere la proposta con l’occhio del cliente si traduce in contatti e mail che chiedono spiegazione, sempre dando un po’ per scontato che ci sia un piacevole impatto con il pubblico.

Detta in termini più pratici la non curanza del dettaglio si trasforma in tempo e risorse perse per spiegare quanto abbiamo dato per scontato o abbiamo sottovalutato. Più è importante il progetto che stiamo costruendo più è importante il particolare, il piccolo dettaglio e più sono grandi le nostre ambizioni, più scrupolosi dobbiamo essere nel parlare al nostro potenziale cliente, del resto pensiamoci un attimo perché il cliente dovrebbe scegliere noi e non il già affermato subito.it?

Di solito chi si avvicina a questi portali per emularli o per cercare nuove strade lavorative vede un sistema curato e studiato ma non è consapevole dei costi che servono per arrivare al risultato e di quanto tempo serva per arrivare ad avere un prodotto semplice e fluido. Anzi, si parte dal presuposto che si sta pensando di investire 8/10 mila euro in tempi di crisi e si pensa siano già tanti, quando in realtà non bastano nemmeno per la prima parte del progetto cartaceo o per i primi studi grafici. Non parliamo poi di chi propone di partire con 500 euro.

Come guadagnare con un sito di annunci

Per poter guadagnare con un sito di annunci occorre innanzitutto capire la distinzione tra le varie tipologie di spazi web che possono essere creati: da quelli del tutto gratuiti a quelli con servizi extra a pagamento, fino a quelli in cui è necessario una sottoscrizione e il relativo versamento di una quota prestabilita.

Laddove chi offre dei servizi extra a pagamento o addirittura richiede un pagamento per poter accedere agli annunci si garantisce una fetta di introiti che ricaverà dall’opportunità per gli inserzionisti di valorizzare i propri annunci con opzioni quali la vetrina ad esempio, o l’inserimento di una serie di segni convenzionali che aiutano quel determinato annuncio ad essere più visibile degli altri, magari con l’aiuto di un carattere più grande e colorato ma anche posizionandolo costantemente nella pagina principale del sito, in modo da essere immediatamente visualizzato da tutti coloro che accedono direttamente alla Home. Per poter richiedere dei servizi a pagamento sul sito di annunci che andremo a creare è necessario che il nostro portale sia ben trafficato, sia come numero di visitatori che come livello di interesse rispetto all’argomento degli stessi.

Nel caso in cui si decide di fornire un servizio gratuito, nell’eventualità in cui il servizio è attivo da poco o comunque non ha il traffico necessario, esistono altre strategie da adottare per monetizzare il proprio sito di annunci on line. Un primo step fondamentale potrebbe essere quello di sfruttare la pubblicità contestuale offerta da AdSense che garantisce una potenziale “partecipazione” da parte dei visitatori ad un determinato sito, perché gli annunci sono basati sugli interessi di chi sta cercando e sul contenuto della pagina; ragion per cui ottime saranno le probabilità che l’attenzione cada sugli annunci pubblicitari, che quando cliccati produrranno un guadagno. Tenendo bene a mente che il regolamento di AdSense, a tutela di aziende e consumatori, è molto rigido e a lungo andare ogni comportamento scorretto viene punito con l’esclusione dal programma, ragion per cui non bisogna abusare dei meccanismi offerti dalla piattaforma, come quello di cliccare sul banner più volte dalla propria postazione per dare l’idea di essere un annuncio ricercato.

 

A tal proposito AdSense ci impiega pochissimo tempo per scoprire che si tratta della stessa persona che sta cercando di violare le regole comportamentali sui cui si basa il meccanismo di monetizzazione del sito. Per poter guadagnare con un sito di annunci ci si può affidare anche alle affiliazioni, ossia tramite programmi che prevedono una commissione se l’utente proveniente dal tuo sito compie un’azione, come un’iscrizione o un acquisto. Questo metodo appare molto valido, perché il traffico di utenti selezionato verrà targetizzato. Di conseguenza se abbiamo una sezione di annunci di prodotti d’arredamento usati, si può inserire una pubblicità su una particolare offerta per quanto riguarda uno specifico articolo d’arredo dando la possibilità all’utente di cliccare ed acquistare il prodotto in offerta e non quello usato ad un prezzo leggermente inferiore permettendoti di guadagnare una percentuale su quella vendita. Tra i programmi di affiliate marketing più validi e competitivi vanno menzionati Tradedoubler, Public-Ideas e Zanox.

Per quanto riguarda il lato tecnico, nel momento in cui decidete di creare un sito di annunci quello che vi serve è un buon programmatore Web e una serie di CMS ed applicativi Web già predisposti e disponibili in Rete. Dopodichè occorre definire il campo di azione, cioè, pianificare se avviare un sito generalista che raccolga annunci di ogni tipologia, oppure, concentrare l’attenzione verso alcuni settori di annunci specifici oppure, un sito a carattere geografico/territoriale. Da questa decisione deriverà anche l’entità del guadagno che volete raggiungere con il vostro sito di annunci. Per cui non può essere casuale, bensì, deve essere la conseguenza di un piano aziendale che tenga in considerazione una serie di fattori ed agisca in base al peso di questi , come il budget disponibile, gli obiettivi iniziali, i competitor presenti nei vari segmenti e le loro strategie e infine gli spazi che al momento esistono e che in futuro potrebbero crearsi.

Programmi di Affiliazione consigliati

  1. AffiliationPartner – recensione – registrati
  2. Executive Affiliation – recensione – registrati
  3. WorldFilia – recensione – registrati
  4. Google Adsense – recensione – registrati