fbpx
Web Marketing

L’e-commerce ai tempi di COVID-19

By 24 Novembre 2020 No Comments

C’è stato uno spostamento della domanda dal commercio al dettaglio fisico all’e-commerce

La crisi COVID-19 ha accelerato l’espansione dell’e-commerce verso nuove aziende, clienti e tipi di prodotti. Ha fornito ai clienti l’accesso a una varietà significativa di prodotti dalla comodità e dalla sicurezza delle loro case e ha consentito alle aziende di continuare a operare nonostante le restrizioni di contatto e altre misure di confinamento.

L’allontanamento sociale autoimposto per evitare il contagio, insieme alle rigide misure di confinamento attuate in molti paesi OCSE, hanno messo praticamente in sospeso, almeno temporaneamente , gran parte della vendita al dettaglio tradizionale di mattoni e malta.

 

COVID-19 e eCommerce: boom di vendite online

 

Covid ed ecommerce Nonostante le persistenti differenze tra paesi, la crisi COVID-19 ha aumentato il dinamismo nel panorama dell’e-commerce in tutti i paesi e ha ampliato la portata del commercio elettronico, anche attraverso nuove aziende, segmenti di consumatori (ad esempio anziani) e prodotti (ad esempio generi alimentari) . Nel frattempo, le transazioni di commercio elettronico in molti paesi si sono in parte spostate da beni e servizi di lusso verso le necessità quotidiane, rilevanti per un gran numero di individui.

Alcuni di questi cambiamenti nel panorama dell’e-commerce saranno probabilmente di natura a lungo termine, alla luce della possibilità di nuove ondate di epidemia, della convenienza delle nuove abitudini di acquisto, dei costi di apprendimento e dell’incentivo per le imprese a capitalizzare investimenti in nuovi canali di vendita.

Mentre in passato il commercio elettronico per molti gruppi di consumatori era incentrato su beni, giocattoli o libri ad alta tecnologia, ora coinvolge sempre più beni per i quali la disponibilità è fondamentale per un’ampia fetta della popolazione, compresi generi alimentari, medicinali e altre necessità.

 Il commercio elettronico ha inoltre consentito l’accesso continuo, online o fisico, ad alcune aree della vita pubblica, come concerti, musei o piscine , anche assegnando in modo efficiente biglietti con data e ora per evitare il sovraffollamento. 

Allo stesso modo, per molte aziende l’e-commerce è ora un’alternativa vitale o una strategia di vendita complementare, che consente il funzionamento continuo nonostante le restrizioni di contatto e altre misure di confinamento.

Anche chi non aveva mai acquistato online ora lo sta facendo: ben l’85% di coloro che hanno fatto acquisti in marzo e aprile erano consumatori che non avevano mai fatto acquisti online in vita loro.

Anche in seguito all’avviamento della fase 2 a maggio, dove molti negozi hanno potuto riaprire e le restrizioni sono state allentate, gli acquisti online rimangono una tendenza in crescita.

Leave a Reply

Open chat
Ho bisogno di ricevere ulteriori informazioni sui vostri servizi